Categorie
news

Linee Guida nazionali per la Teleriabilitazione

Il CRC è tra gli attori e autori delle “Indicazioni nazionali  per l’erogazione di prestazioni e servizi di teleriabilitazione da parte delle professioni sanitarie”, redatte su impulso del Ministero della Salute. 

La pandemia da COVID-19 ha modificato inesorabilmente le nostre abitudini di vita.

Uno dei settori ad aver subito maggiori limitazioni è stato quello legato alla riabilitazione. La difficoltà di accedere ai trattamenti, infatti, ha comportato notevoli ritardi nella presa in carico di nuovi pazienti, uniti al pregiudizio, in molti casi, dell’esito di trattamenti già avviati.

La brusca interruzione dell’operato di tale settore avrebbe ostacolato, dunque, per un cospicuo lasso di tempo, diagnosi precoce e intervento tempestivo, entrambe ritenute, dalle più recenti evidenze scientifiche, azioni cruciali per il miglioramento della qualità di vita dei bambini affetti da Disturbi del Neurosviluppo e delle loro famiglie. 

Ciò ha evidenziato la necessità e l’urgenza – condivisa dal Ministero della Salute e dalle Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano – di fornire indicazioni uniformi sull’intero territorio nazionale per l’erogazione delle prestazioni a distanza, estendendo e riconoscendo la pratica medica e assistenziale oltre gli spazi fisici deputati all’erogazione in forma tradizionale di numerose prestazioni sanitarie. 

L’Accordo per le linee guida

A questo scopo, è stato redatto un documento che regolamentasse, a livello nazionale, l’attività di riabilitazione a distanza a cura gruppo di lavoro Telemedicina della Cabina di Regia NSIS (Nuovo Sistema Informativo Sanitario), sulla base di una proposta avanzata dal Centro Nazionale per la Telemedicina e le Nuove Tecnologie Assistenziali in collaborazione con il Gruppo di consensus nazionale sulla teleriabilitazione e la teleassistenza e con il supporto della Segreteria Scientifica della Presidenza dell’Istituto Superiore di Sanità.

Tra i fautori dell’Accordo sulle “Indicazioni nazionali per l’erogazione di prestazioni e servizi di teleriabilitazione da parte delle professioni sanitarie” vi è il CRC che, insieme ad altre strutture e associazioni, tra i principali attori del panorama clinico nazionale con esperienza nell’ambito della riabilitazione a distanza, ha dato il suo contributo nel Gruppo di Consensus. 

La proposta di Accordo è stata presentata lo scorso 18 novembre 2021, durante la Conferenza Stato Regioni ed è in attesa di approvazione. 

Obiettivo del documento è quello di favorire, in ciascuna regione, l’implementazione di percorsi di presa in carico a distanza, secondo modelli organizzativi e metodologie uniformi e condivise dalle realtà parte della consensus che, attraverso periodiche sedute di confronto, hanno messo a disposizione la propria expertise, affinata nelle fasi più critiche dello scenario emergenziale. 

L’esperienza DEL CRC nel campo della teleriabilitazione

Il CRC, sin dalla proclamazione del primo lockdown, mettendo a frutto la propria esperienza – il nostro Polo Apprendimento già prevedeva la modalità a distanza all’interno di alcuni progetti terapeutici – e le esperienza maturate da altre realtà a livello mondiale, ha messo a punto la propria offerta, garantendo la continuità terapeutica alla maggior parte dei bambini in carico presso il CRC. Tutta l’attività è stata spostata online, con la dovuta riorganizzazione dei servizi, e i colleghi sono stati gradatamente formati all’utilizzo di questa modalità, in Italia, ancora poco diffusa. 

Il CRC si è preoccupato poi, già a giugno 2020, di diffondere le conoscenze acquisite nei mesi precedenti, attraverso l’organizzazione di una web-conference gratuita che ha diffuso in Italia le buone prassi messe a punto dalle nostre équipe e dai colleghi stranieri, esperti nella riabilitazione a distanza delle diverse patologie che interessano il Neurosviluppo. La web conference ha avuto un grande successo, raggiungendo picchi di 800 persone collegate contemporaneamente. 

Tra il 2020 e il 2021, il Centro ha portato, per la prima volta in Italia, l’unico corso riconosciuto dall’American Speech-Language-Hearing Association (ASHA) sulla Riabilitazione a distanza, curato dal Waldo County General Hospital del Maine. Il corso ha rilasciato a più di 50 logopedisti un certificato di competenza dell’utilizzo della telepratica.   

PROSPETTIVE FUTURE

Ad oggi, che ci siamo lasciati alle spalle la fase acuta della pandemia, il Centro continua ad utilizzare la riabilitazione a distanza, integrandola con la tradizionale modalità in presenza, a seconda delle esigenze del bambino e della famiglia, e su indicazione del medico responsabile di progetto. 

La riabilitazione a distanza costituisce, ad oggi, una possibilità in più per lo specialista e per il bambino e la famiglia che possono usufruire di modelli organizzativi integrati, utili all’attività di prevenzione e promozione della salute e all’ottimizzazione dei percorsi di presa in carico. 

IG: @crc_centroricercacura

Categorie
news

Officina della genitorialità: 5 incontri online per promuovere il benessere familiare

Nelle prossime settimane, prenderà il via l’iniziativa Officina della genitorialità, volta a promuovere la qualità delle relazioni interpersonali all’interno e all’esterno del nucleo familiare.

Officina della genitorialità rappresenta la seconda fase del “Progetto di promozione del benessere psicologico e relazionale delle famiglie”, promossa dall’ associazione ConFABULA, insieme al Municipio Roma IX, alla Consulta della Cultura del IX Municipio e alla Biblioteca Laurentina.

Officina della genitorialità: un focus sull’attaccamento sicuro

A partire dal prossimo 18 novembre 2021, avrà inizio un ciclo di cinque incontri online durante i quali gli specialisti del CRC affronteranno tematiche utili alle famiglie per la costruzione di rapporti efficaci volti a costruire un benessere diffuso e duraturo a beneficio anche delle generazioni future.

Gli incontri saranno proiettati in diretta sui canali Facebook e Instagram del Centro, ogni giovedì dalle 19:30 alle 20:30 (scarica il calendario completo).

Nel corso di questi appuntamenti, moderati dalla dott.ssa Giulia Armani, il dott. Alessandro Minutiello e la dott.ssa Chiara Pirisi, avremo modo di approfondire la teoria dell’attaccamento sicuro e i suoi vantaggi evolutivi.

Si tende spesso, da genitori, a riproporre schemi vissuti, acquisiti e introiettati da bambini. Tali pattern finiscono per essere trasmessi alle generazioni future, condizionandone in modo significativo lo sviluppo. Pertanto, la costruzione di una relazione empatica e funzionale, fondata sull’ascolto e sulla comprensione reciproci, risulta fondamentale per sviluppare nel bambino, nel breve e lungo periodo, un senso di sicurezza profondo e inattaccabile dall’esterno.

Ogni figura genitoriale si contraddustingue per uno stile di attaccamento specifico. Durante questi incontri, quindi, impareremo a riconoscerne le caratteristiche e le impronte emotive che i diversi stili possono lasciare nella vita del bambino.

Genitori e figli: una delicata regia

Come accennato, Officina della Genitorialità rappresenta il prosieguo di un progetto, che ha visto nella sua prima parte – avviata a fine settembre e tenutasi presso il Centro Culturale Elsa Morante – incontri di discussione a seguito della visione di tre film, selezionati dai nostri specialisti: Gifted, Wonder e Il Castello di Vetro.

Genitori e figli: una delicata regia ha dato modo alle famiglie che hanno aderito all’iniziativa di scoprire, guidate dai Neuropsichiatri e Psicologi, le diverse tipologie di legame e i diversi meccanismi che possono instaurarsi nella dinamica genitori e figli.

Nello specifico, attraverso la visione di Gifted abbiamo avuto modo di confrontarci con due stili genitoriali opposti: il primo attento ai bisogni del bambino e l’altro guidato esclusivamente dalle aspettative della figura di accudimento. Wonder ci ha mostrato, invece, una tipologia di famiglia esempio di attaccamento sicuro, dove entrambe le figure genitoriali lasciano libero il bambino di mettersi alla prova e scoprire le proprie potenzialità, garantendo la propria presenza, senza mai sostituirsi a lui. Il castello di vetro, che ha chiuso la programmazione, ha portato alla nostra attenzione un modello di attaccamento disfunzionale che, abbiamo visto perpetrarsi e ripercuotersi anche in età adulta e sulle generazioni future.

Giovedì prossimo, 18 novembre 2021, riprenderemo il nostro viaggio all’interno del mondo della genitorialità. Affronteremo, guardandoli da altri punti di vista, temi già trattati e ne indagheremo degli altri. Vedremo filmati e ascolteremo i nostri specialisti che, sempre con un taglio pratico, ci daranno spunti e strumenti per costruire relazioni funzionali volte ad alimentare il benessere all’interno della famiglia.

IG: @CRC_Centroricercaecura

Categorie
news

Settimana Nazionale della Dislessia 2021

In occasione della Settimana Nazionale della Dislessia, dal 4 al 10 ottobre 2021, il CRC ha pensato una serie di appuntamenti rivolti alle famiglie.

Ogni giorno, gli specialisti del Polo Apprendimento del Centro saranno online, in diretta o attraverso videoregistrazioni, per approfondire specifiche aree tematiche legate al Disturbo.

Abbiamo riservato, nel corso della settimana, alcuni spazi alle testimonianze dei nostri ragazzi che ci racconteranno la dislessia dal loro punto di vista.

Per conoscere le date dei vari appuntamenti, potrete scaricare qui la locandina dell’evento; mentre per prenotare il vostro posto al laboratorio esperienziale sugli strumenti compensativi del 7 ottobre, scriveteci all’indirizzo comunicazione@crc-balbuzie.it.

 

Categorie
news

CRC Football Tournament

Domani, 27 luglio 2021, alle 19:30, presso lo Sporting Eur, in Via Di vigna Murata 90, si terrà il primo incontro del CRC Football Tournament, torneo di calcetto che vedrà contrapposte le squadre delle Vecchie Glorie e delle Giovani Promesse, formate rispettivamente dagli specialisti del Centro e dai nostri bambini.

Purtroppo, il numero di posti sugli spalti è limitato e – nel rispetto delle norme anti covid – abbiamo già raggiunto la capienza prevista; proprio per questo, tenendoci che entrambe le squadre ricevano il giusto e meritato supporto, abbiamo chiesto ai nostri bambini di partecipare alla composizione di uno striscione.

Per il resto, documenteremo l’evento sui nostri canali Social, quindi seguiteci e fateci sentire, pur da lontano, il vostro calore.

Categorie
news

Un training teatrale per aumentare l’efficacia comunicativa

Circa un mese fa, si è concluso il percorso “CORPO, VOCE ED EMOZIONI: training teatrale per aumentare l’efficacia comunicativa” tenuto dalla dott.ssa Diletta Vedovelli, logopedista del CRC afferente al Polo balbuzie, in affiancamento al percorso riabilitativo dei bambini che balbettano d’età compresa tra i 6 e gli 9 anni.

“Il nostro percorso – racconta la dott.ssa Vedovelli – è iniziato a febbraio, con la brina sui vetri delle finestre e i maglioni a collo alto. Di quel periodo, conservo il ricordo dii visi intimoriti e curiosi per la novità e le ore passate al telefono con le terapiste per calibrare ogni attività in base alla reale necessità clinica dei piccoli pazienti”.

MIDA – SP

Il percorso nasce all’interno del MIDA-SP (Multidimensional, Integrated, Differentiated, Art-mediated – Stuttering Program), approccio di intervento ideato dalla prof.ssa Donatella Tomaiuoli e il suo staff, avente come obiettivo la presa in carico globale della persona che balbetta in età scolare e adulta. Il programma riabilitativo, multidimensionale e individualizzato, prevede l’utilizzo di una o più attività arte-mediate, tra cui il percorso teatrale con rappresentazione finale e il doppiaggio di film.

CORPO, VOCE ED EMOZIONI

Quest’anno, per via del COVID e del distanziamento sociale – si è dovuto ripensare a molte delle attività proposte al Centro. In luogo del percorso teatrale, i bambini sono stati coinvolti in un training in cui si è lavorato sul corpo, come via preferenziale della comunicazione non verbale, sulla voce, sull’espressività.

training teatrale

Diletta Vedovelli è logopedista e attrice professionista e il training è frutto della sua formazione e della sua esperienza, in ambito clinico e in quello teatrale e cinematografico.

L’obiettivo del percorso non era lo spettacolo teatrale, ma: “un giorno – prosegue la dottoressa – Tommaso ha detto “Senti ma…quando saremo pronti, secondo te, lo possiamo fare uno spettacolo vero?? Proprio su un palco??”…”

E così è stato: sabato 5 giugno2021, dopo 4 mesi di incontri online, sette bambini sono saliti sul palco virtuale delle loro camerette e, ognuno dalla propria finestra di ZOOM, dinnanzi a un pubblico di amici, logopediste e parenti, sperimentando vari ruoli, a turno, ha presentato e interpretato scenette di vario tipo.

BAMBINI E GENITORI: UN GIOCO DI SQUADRA

Nell’ultimo mese – non previsto, ma richiesto a gran voce – si è pensato di coinvolgere i genitori che sotto la guida esperta dei bambini, e la supervisione di Diletta, si sono lasciati coinvolgere in situazioni in cui era richiesta la loro partecipazione attiva.

“È stata un’esperienza bellissima – racconta una mamma – trovarsi faccia a faccia con il loro entusiasmo e guardare da vicino quanto i nostri figli fossero diventati spigliati ci ha dato una gran forza, quella necessaria ad abbattere l’imbarazzo. Ci siamo divertiti! Insieme.”

L’anno prossimo – nella speranza di riaprire le porte della nostra sala teatro – il percorso “CORPO VOCE ED EMOZIONI” diverrà parte integrante del percorso. I bambini, alla fine, potranno calcare il palcoscenico di un teatro vero e provare quell’emozione unica dell’entrata in scena, quando cala il silenzio, le luci pian piano si alzano, il sipario si apre e si parte!

Categorie
news

Il Progetto Radio al CRC

Il progetto Radio nasce al CRC nel 2015, quando viene presentato in occasione della II edizione dell’International Conference on Stuttering. Nasce come attività da inserire all’interno del percorso che i ragazzi che balbettano seguono qui al CRC, dove, affianco agli accessi di terapia, vengono coinvolti in attività quali teatro, doppiaggio e, per l’appunto, radio.

Il nostro progetto prende piede, come ogni cosa al CRC, da un sogno e poi da quella che oramai possiamo definire un’amicizia, stretta con lo speaker di RDS 100% Grandi Successi, Beppe De Marco. Fine 2014, viene allestito uno studio di registrazione in uno dei locali del Centro, ideato un nome per la nostra radio e si parte. Radio Break è on air.

Radio Break – la vostra pausa, il nostro mondo. Il nome e il jingle, ideato dai ragazzi, giocano con la doppia accezione del termine pausa: la pausa che ciascuno prende dalle proprie attività per dedicarsi a sé stesso, magari ascoltando della buona musica o un’intervista interessante alla radio e la pausa presente nell’eloquio della persona che balbetta. Quella che fa così paura, così tanta, da far desistere e disinnamorare la persona disfluente dal comunicare. Radio Break, oggi Radio-CRC, insegna ai ragazzi come sfruttare al meglio la propria voce, rendendola il più efficace strumento di comunicazione con il mondo.

“Radio – CRC è ottima palestra di potenziamento delle capacità comunicative e dell’uso della loro voce, così come del superamento di paure e resistenze – afferma la dott.ssa Donatella Tomaiuoli, ideatrice del progetto – È un’esperienza di apertura e socializzazione, in grado di accrescere la sicurezza nelle risorse del ragazzo, che si allena a gestire la pressione temporale e a superare ansia e paure legate alle esperienze di verbalizzazione”.

Il 2021 rappresenta un punto cardine nella storia della nostra radio. Nasce, infatti, l’applicazione R-CRC, scaricabile gratuitamente dagli store di Apple, Android e Huawei. Non sarà, dunque, necessario collegarsi alla rete per ascoltarci, ma sarà sufficiente pigiare il tasto “Play” sul vostro telefonino. Per ora, saremo on air tre volte a settimana, da lunedì al mercoledì, dalle 18:00 alle 19:00, quando i nostri ragazzi – autori e conduttori di una vera e propria redazione – guidati da Beppe De Marco, racconteranno agli ascoltatori notizie e curiosità afferenti dai mondi più disparati, dallo sport, alla politica, dalla moda, alla letteratura, all’arte.

Dall’anno scorso, accanto alla diretta radio, R-CRC è anche in diretta su Facebook, quindi oltre ad ascoltare i nostri ragazzi, potrete anche dar loro un volto e interagire, commentando ed esprimendo le proprie reazioni sul canale Facebook del Centro.  

Si parte domani, 19 aprile, alle 18:00, noi ci saremo e voi?

 

Categorie
news

Il CRC ai tempi del Corona Virus

Il CRC, in conformità con le linee guida nazionali e regionali per l’emergenza COVID-19, ha adottato alcune misure di sicurezza, per mantenere, il più possibile, per quanto è nelle proprie possibilità la propagazione del virus.

A iniziare dalla sala d’attesa, l’ingresso alle persone è consentito solo al cambio dell’ora e in numero limitato (max 6 persone, nell’area compresa tra il corridoio davanti l’ingresso e la reception vera e propria). I colleghi al desk sono incaricati di garantire il rispetto di tale regola, nonché il mantenimento della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro.

Il CRC dispone di spray disinfettante a base di alcol isopropilico per mani e di igienizzante contenente alcool al 75% (come da normativa) per sanificazione delle superfici. I nostri terapisti si impegnano ad utilizzarlo tra una terapia e l’altra, in modo da garantire ad ogni bambino un ambiente protetto.

Il nostro personale – deputato all’accoglienza e alla clinica – è dotato di visiera protettiva in policarbonato e di guanti monouso, al fine di limitare il più possibile i contatti, nel rispetto dell’altro.

Con l’augurio di uscire presto da questo periodo, manteniamoci uniti, a un metro di distanza.

Norme COVID-19 - CRC

La foto in copertina tratta da: https://www.policlinico.mi.it/coronavirus-spiegato-a-bambini-e-adolescenti

Categorie
news

Presentazione dei corsi di Massaggio Infantile

Nel 2020, partiranno, presso il Centro, i corsi di Massaggio Infantile, per genitori e i loro figli di età compresa tra gli 0 e i 12 mesi.

Data l’importanza che attribuiamo a questa pratica e i risvolti positivi che riteniamo possa avere nella relazione genitore-bambino, abbiamo pensato di proporre gratuitamente i primi tre cicli di Massaggio Infantile.

Ma cos’è il Massaggio Infantile?

Se ve lo state chiedendo, vi invitiamo Sabato 23 novembredalle 15:00 alle 17:00, presso il CRC, dove le nostre terapiste, insegnanti A.I.M.I. (Associazione Italiana Massaggio Infantile), presenteranno la proposta pensata per voi.

PER INFO E PRENOTAZIONI:

[contact-form-7 404 "Non trovato"]
Categorie
news

Settimana della dislessia 2019

Anche quest’anno, il CRC aderisce alla Settimana Nazionale della Dislessia – in concomitanza con European Dyslexia Awareness Week, promossa dalla European Dyslexia Association (EDA) – con una serie di iniziative organizzate presso il Centro.

Quest’anno, il tema della Settimana sarà “Diversi e Uguali: promuoviamo l’equità” con l’intenzione di sottolineare quanto preziosa sia l’unicità di ogni individuo e quanto il concetto di equità debba sempre più andare a sostituire quello di uguaglianza. Ognuno è diverso e ognuno, per raggiungere un traguardo, ha bisogno di tempi e mezzi differenti. Diversità è ricchezza.

Il Polo Apprendimento del CRC, nella settimana che va dal 5 al 13 ottobre, organizza diverse iniziative, destinate a ragazzi, genitori e insegnanti, a supporto della diffusione di una corretta conoscenza della Dislessia.

Per conoscere la nostra proposta, scarica qui il volantino della Settimana!

Categorie
news

Giornata Europea della Logopedia 2019

Quest’anno, la CPLOL (Comitato Europeo Logopedisti) ha stabilito che la Giornata Europea della Logopedia avesse come oggetto il Disturbo dello Spettro Autistico.

Per l’occasione, la Federazione dei Logopedisti Italiani del Lazio, il prossimo 6 marzo, ha organizzato, presso la nuova sede romana della Erickson, sita in Viale Etiopia, 20, un convegno gratuito incentrato su tale disturbo.

Il convegno, che rilascia un attestato di frequenza, è aperto ad un massimo di 100 partecipanti e avrà una durata di quattro ore. I numerosi interventi, che si susseguiranno nell’arco della mattinata, saranno preceduti dal saluto del presidente della Fli Lazio, dott.ssa Anna Giulia De Cagno.

Tra i relatori, ci saremo anche noi, con alcuni professionisti afferenti al nostro Polo Autismo che si focalizzeranno su come avviene la presa in carico del paziente con DSA al CRC. Parleremo della nostra stanza multisensoriale e dei gruppi terapeutici che lavorano sulle abilità socio-pragmatiche.

Per partecipare, basta mandare una mail all’indirizzo convegnoeuropeo19@gmail.com.

Per tutta la settimana (4-8 marzo) sarà, inoltre, attiva una linea telefonica dedicata che dalle 10:00 alle 12:00, risponderà alle vostre domande e ai vostri dubbi circa il Disturbo dello Spettro Autistico.