Categorie
Blog

Il CRC premiato come “Miglior progetto sociale” alla IV edizione del Premio Mario Unnia 2021

Il resoconto della dott.ssa Martina de Meis della cerimonia di premiazione.

Ieri, si è tenuta la serata conclusiva del Rethink contest 2021, organizzato da BDO Italia, in cui sono state insignite del Premio Mario Unnia -Talento & Impresa quelle realtà tutte italiane che si sono distinte per salvaguardia del business e delle persone (React), resilienza della loro attività (Resilience) e capacità di ripartire sulla base di nuovi modelli di business sostenibili (Realise).

Un po’ per curiosità, un po’ per gioco, verso ottobre 2021, ho compilato l’application form perché il CRC potesse essere tra i candidati del premio. Dopo un paio di mesi, riceviamo una mail che ci comunica di essere rientrati nella shortlist delle aziende finaliste; il CRC riceve l’invito per la serata di premiazione il 27 gennaio 2022 a Palazzo Mezzanotte, Piazza Affari, Milano.

La vittoria come “Miglior progetto sociale”

Il Centro figura nella brochure delle imprese finaliste.  La serata trascorre piacevole tra interventi e testimonianze di economisti, sociologi e imprenditori. Prendo appunti sul mio taccuino. Si parla di agilità delle aziende italiane e della famiglia come caratteristica comune alla base di circa il 60% delle imprese del nostro paese. Poi, la premiazione. I miei genitori, fondatori del Centro, mi seguono in diretta da Roma insieme ai nostri colleghi.

Tra le 28 in lizza, vengono premiate tre aziende che si sono particolarmente distinte, rispettivamente nord, centro e sud del nostro Paese. Il CRC non c’è. Ci scambiamo messaggi di congratulazioni in ogni caso. Essere lì – ci diciamo – è già un gran traguardo. Bravi tutti.

La serata, però non è finita e sono stati istituiti altri tre premi speciali. Alla volta del secondo, il CRC è sul palco, come modello d’impresa distintasi per responsabilità sociale. Abbiamo vinto. Abbiamo vinto il premio che premia il CRC per la sua natura di azienda votata al bene comune!

Ringraziamenti

Salgo sul palco e sono radiosa, emozionata, fiera, orgogliosa di rappresentare il Centro e ognuna delle persone che ne fa parte, che ci ha accompagnato e continua a farlo in questo momento complesso, dove ogni giorno è una novità, dove ogni giorno tutto può cambiare.

Sul palco, con gli occhi liquidi e brillanti, ho ricordato il 9 marzo 2020, l’annuncio della chiusura del paese, ho ricordato il coraggio di tenere duro e ripensare al nostro modo di prenderci cura. Abbiamo studiato, ci siam confrontati e confortati. Sì va avanti! Tutti – o quasi – in riabilitazione a distanza e mia madre ed io al Centro. È stato un periodo strano, quel marzo-aprile-maggio 2020. A Roma, pareva di muoversi in una città fantasma, in un Centro che, dacché ne ho memoria, non era mai stato così vuoto, così silenzioso. Poi ci abbiam fatto l’abitudine. Ricordo IL CRC C’È e le dirette, le risate nel vedere i colleghi cimentarsi in attività impensabili. Ricordo l’impegno nostro e delle famiglie. La resistenza iniziale e la soddisfazione di aver approfondito un modello che terremo e integreremo anche quando le parole contagi, quarantene, mascherine FFP2 e green pass – speriamo – saranno solo un ricordo. Perché la riabilitazione a distanza, in tanti casi, è una risorsa che può sostituire la presenza o integrarla, arricchendola.

Il premio speciale Mario Unnia 2021 per il progetto sociale è il premio per il CRC che resiste, assecondando i tempi, in modo ergonomico. Grazie a tutti, agli organizzatori della serata, e agli imprenditori che si sono innamorati del nostro progetto.

Grazie ai miei genitori, che hanno dato vita al Centro con amore e hanno saputo trasferirgli dei valori che hanno saputo sostenerci, in tanti casi, più di un consiglio di amministrazione.

Grazie a voi,

Giulia, Martina, Andrea, Giulia, Simone, Valentina, Lidia, Michela, Valentina, Federica, Francesca, Annalisa, Noemi, Manuela, Roberta, Andreea, Roberta, Civita, Alice, Eugenia, Alessandra, Greta, Giuseppina, Lorenzo, Simona, Manuela, Eleonora, Francesca, Claudio, Gaia, Naomi, Caterina, Letizia, Federica, Giuliana, Alessandra, Letizia, Ludovica, Nicola, Valentina, Silvia, Denise, Chiara, Francesca, Caterina, Sara, Sara, Maria Chiara, Giulia, Matilde, Simona, Antonella, Elena, Alessandro, Marianna, Veronica, Monica, Eleonora, Chiara, Chiara, Chiara, Emiliano, Giulia, Silvia, Ilaria, Sabrina, Lisa, Veronica, Roberta, Daniele, Maria Grazia, Carlotta, Eugenio, Maria Grazia, Barbara, Daniele, Diletta, Christian, Agata Marina, Carla, Valeria.

Per aver creduto in noi e per continuare a farlo, con passione per il vostro lavoro e amore per i nostri bambini.

IG: @CRC_Centroricercaecura

Categorie
Blog

Il CRC tra le aziende finaliste in lizza per il Premio “Mario Unnia – Talento & Impresa” 2021

Il CRC è una delle 28 aziende italiane facenti parte della shortlist della IV edizione del Premio Mario Unnia promosso e organizzato da BDO Italia con il supporto di BPER Banca e di Ersel.

In questi due anni, la pandemia ha messo a dura prova le realtà imprenditoriali del nostro Paese, trovatesi a fare i conti con un contesto macroeconomico logorato da una crisi inaspettata. Ogni settore è stato chiamato ad imprimere un’accelerazione dei processi finanziari e tecnologici, con il medesimo obiettivo di superare la battuta d’arresto subita.

Perseguire modelli di crescita sostenibile, senza dimenticare di valorizzare il capitale umano e al contempo creare valore per l’azienda e per il territorio su cui essa opera, ha richiesto straordinarie capacità imprenditoriali che alcune aziende hanno sviluppato con risultati eccezionali, divenendo modello e fonte d’ispirazione per l’intero comparto economico.

Il premio mario unnia – Talento & Impresa: l’azienda del  futuro

Il Premio Mario Unnia – Talento & Impresa, istituito nel 2017, nasce con la volontà di diffondere il know-how delle molte aziende che si sono distinte durante il lockdown e di premiare le migliori mediante il contest “Rethink: le 3 R del talento (React, Resilience, Realise) in tempo di pandemia”.

A rispondere alla sfida sono state oltre 100 aziende, le quali hanno mostrato grazie a quali strategie sono state in grado di reagire per salvaguardare il futuro delle proprie attività e garantirne una solida resilienza attraverso la realizzazione di modelli di bussiness nuovi e sostenibili.

Una giuria di esperti, presieduta dal Professor Andrea Amaduzzi – Docente presso il Dipartimento di Scienze Economico Aziendali – Università degli Studi Milano Bicocca, ha scelto le 28 finaliste – tra cui il CRC – che si sono distinte in questi 3 ambiti, riuscendo a dare nuova linfa al proprio core business.

IL CRC PRESENTE ALLA CERIMONIA DI PREMIAZIONE

A questa shortlist (qui l’elenco completo, CRC a p. 31) ha avuto accesso anche il nostro Centro, che si è quindi aggiudicato la convocazione in occasione della serata di premiazione che si terrà il prossimo 27 gennaio presso la sede di Borsa Italiana a Palazzo Mezzanotte, a Milano.

Alla cerimonia, in rappresentanza del CRC, presenzierà la dott.ssa Martina de Meis. Al termine del dibattito in sala su “L’impresa che verrà”, scopriremo i vincitori di ciascuna delle 4 macroregioni definite (Nord Ovest, Nord Est, Centro, Centro-Sud e Isole). Fra le 12 aziende che supereranno lo screening, verrà poi scelto il vincitore assoluto del Premio Mario Unnia

Nell’attesa di conoscere l’azienda vincitrice, siamo orgogliosi di tutto il team che negli anni ha contribuito a far crescere il Centro, fino a divenire leader nell’erogazione di servizi alla persona grazie all’impiego di equipe multidisciplinari altamente specializzate, collaborazioni scientifiche con Università e istituti di ricerca e di cura nazionali e internazionali e trattamenti innovativi basati sull’utilizzo di nuove tecnologie.

Un riconoscimento, questo, di cui siamo fortemente orgogliosi e che ci ricorda l’importanza di cogliere ogni ostacolo come un’opportunità di crescita. Per questo, non possiamo che rivederci e fare tesoro delle parole della dott.ssa de Meis:

Come vedo il futuro dell’azienda? Un’azienda sempre più attenta alle esigenze dell’utente, dove la circolazione delle informazioni avvenga in modo capillare e fluido; un’azienda che mantenga, nella sua crescita, la filosofia della famiglia da cui ha avuto origine.

IG: @CRC_Centroricercaecura