Categorie
Ricerca

Competenze grafomotorie e disgrafia: progetto Schermi Magici e Segni Preziosi

Il CRC – Centro Ricerca e Cura da il via al progetto di screening per lo studio dello sviluppo della scrittura, Schermi Magici e Segni Preziosi.

Il prossimo mercoledì 16 novembre 2022, alle 17:30 verrà presentato presso l’Aula Consiliare del Municipio IX di fronte alle istituzioni.
Saranno presenti l’Assessorato ai Lavori Pubblici, Mobilità e Scuola e l’Assessorato alla Politiche Sociali e della Salute, Terzo Settore e Democrazia Legalitaria del Municipio IX e la ASL Rm2Distretto IX. 

Il progetto è stato ideato dal CRC – Centro Ricerca e Cura, in collaborazione con il Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell’Informazione “Maurizio Scarano” dell’Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale.
La
WACOM,  principale produttore di tavolette grafiche al mondo, ha fornito il sostegno tecnologico al progetto.

Lo screening mira a identificare e studiare alcuni segnali che permetteranno di intercettare eventuali scritture disgrafiche.

Un metodo per riconoscere la disgrafia

Nel dicembre 2019, il dott. Italo de Meis, responsabile del Polo Ricerca&Sviluppo del CRC – si imbatte nella ricerca HAND (Handwriting Analysis Against Neurodegenerative Diseases). L’Università di Cassino, assieme ad altri due atenei del centro-sud Italia, stava portando avanti questo studio nell’ambito dell’individuazione precoce e del monitoraggio delle malattie degenerative.
Oggetto dell’indagine era sempre la scrittura che attraverso l’Intelligenza Artificiale (AI) era in grado di rivelare eventuali indici di rischio. 

Il CRC è un centro convenzionato con il Sistema Sanitario Regionale che si occupa per lo più di Disturbi del Neurosviluppo. Ha in carico circa 300 bambini in gran parte in età scolare.

Perché dunque non spostare il campo d’interesse, elaborando un sistema utile a monitorare il processo inverso?
Nell’anziano, infatti, si studia l’alterazione del tratto grafico; nel bambino, il suo sviluppo.

La difficoltà – spiega Michela Battisti, TNPEE e Dott.ssa in Psicologia e salute del CRC, tra i coordinatori del progetto – sta nel fatto che mentre per l’anziano si parte dallo studio di una competenza consolidata, per il bambino è necessario individuare quei segni che, nella traiettoria evolutiva della scrittura, potrebbero evolvere in eventuali difficoltà”.

Grazie al protocollo d’intesa siglato con il Municipio IX e il Distretto IX della ASL RM 2 prenderà avvio uno screening longitudinale in cinque Istituti Comprensivi del Territorio che coinvolgerà circa duecento bambini.

Lo scopo è osservare alcune competenze in diversi momenti di sviluppo del bambino, proponendo loro semplici attività quali riprodurre figure geometriche, completare dei labirinti, copiare delle lettere utilizzando una penna digitale.

Si inizierà a testare il campione all’ultimo anno della scuola dell’infanzia, poi di nuovo ogni anno per i tre anni successivi, fino alla terza elementare. È questa l’età in cui è possibile fare diagnosi, riconoscere la disgrafia e confermare le difficoltà di scrittura.

I partner del progetto Schermi Magici e Segni Preziosi

Ognuna delle realtà partner ha contribuito al progetto mettendo a disposizione la propria expertise.
CRC ha elaborato il “protocollo valutativo”, mettendo a disposizione le competenze cliniche specifiche, anche alla luce delle recenti linee guida sui disturbi dell’apprendimento. WACOM ha messo a disposizione i supporti digitali e la propria esperienza in ambito tecnologico.
L’
Università di Cassino ha implementato l’applicazione che – attraverso l’AI e il machine learning – elabora tutti i dati che ogni anno verranno immessi nel sistema. In questo modo potrà rilevare gli indici di rischio e, a medio-lungo termine, intercettare sul nascere un disturbo specifico.

Categorie
Blog

Coloriamo lo Spettro – Fonte Meravigliosa

La sezione A è l’ultima aula in fondo al corridoio. La maestra Monica mi attende sulla porta, ha indosso un camice bianco fregiato di disegni di bimbo, un sorriso gioviale e occhi vispi. Sono lì per  via di Coloriamo lo Spettro, concorso che il CRC ha indetto per l’anno scolastico 2017/18, finalizzato alla promozione e alla cultura dell’inclusione scolastica della disabilità nelle scuole dell’infanzia. La maestra Monica, per l’occasione, ha letto, insieme ai suoi bambini, una storia, una storia di amicizia e generosità, e altruismo e comprensione, che narra di un pesciolino dalle squame color arcobaleno, che solo dopo esser rimasto solo, per via del suo egoismo e della sua vanità, ritrova i suoi amici, comprendendo l’enorme valore del dare e del darsi.

“Con i bambini tutto passa attraverso la narrazione – spiega l’insegnante – il mutuo aiuto, la reciprocità, la diversità, il bisogno e la mancanza sono concetti astratti, difficili per loro da assimilare, se non attraverso storie che di quei valori se ne facciano portatrici, contenitori. A seguito della narrazione, è stato chiesto ad ognuno di loro di disegnare una parte del racconto, e raccontarla a proprio modo. Abbiamo realizzato dei cartelloni, in cui ognuno, attraverso la tecnica del collage, ha dato vita al suo Arcobaleno. Tutti abbiamo partecipato all’arricchimento di questa storia, insieme abbiamo riflettuto sulla sua portata, l’abbiamo introiettata mettendola in scena e infine l’abbiamo vissuta con la realizzazione di quella che ci piace chiamare la stanza del mare, dei pesci e dell’amicizia”.

L’insegnante mi indica una porta, mi avvicino, la apro e un senso di meraviglia misto a stupore e incredulità mi pervade. All’interno è tutto un susseguirsi di veli di tulle, di pesci che fluttuano in quello che non serve troppa fantasia per crederlo un mare. A terra un tappeto di pluriball attenua il rumore dei passi, da un lato c’è un materassino, di quelli che si usano in palestra, dall’altro due tavolini, uno con su una bacinella d’acqua, uno con su un contenitore pieno di sabbia, e poi ci sono le conchiglie, la fauna marina, tappi di sughero e barchette. Mentre mi giri intorno esterrefatta, la maestra Monica accende lo stereo che inizia a suonare il rumore, il canto delle onde del mare e allora vien voglia di toglier le scarpe e tornare bambini, di giocare con l’acqua, la sabbia, di leggere un libro stesi sul materasso sottile, o semplicemente guardarsi intorno e ammirare cosa la forza della passione riesce a produrre.

coloriamo lo spettro

“Questa è la nostra stanza multisensoriale– interviene l’insegnante, distogliendomi dal mio sogno a occhi aperti – l’abbiamo messa su in una settimana. Noi insegnanti curavamo la manodopera, i bambini dirigevano i lavori. Tutto è stato realizzato con materiali di recupero. Abbiamo dato vita a questa stanza pensando a Riccardo, il nostro compagno speciale. Riccardo è un bambino calmo, tranquillo, ma quando c’è troppo rumore, chiasso, disordine, si agita e qui ho notato ritrova il suo equilibrio, la sua serenità. Nella stanza esistono delle regole. E mai come qui dentro sono rispettate, tanta la voglia di rimanervi e tornarci ancora e ancora. Si entra quattro alla volta e ci si divide per giocare, due alla sabbiera e due alla bacinella d’acqua. Accanto ad ogni postazione, sono presenti diversi elementi divisi per categorie: gli elementi naturali, gli elementi artificiali, quelli che galleggiano e quelli che vanno a fondo e in più i bambini sono sollecitati da stimoli tattili, visivi, uditivi e presto anche olfattivi, a cui sto lavorando”.

IMG_0005
IMG_0011

IMG_0012

Sono stupita, davvero. La stanza del mare, dei pesci e dell’amicizia è quella in cui ogni bambino vorrebbe giocare, è la materializzazione di un sogno, l’ingresso in un’altra dimensione che, alla scuola Fonte Meravigliosa, le insegnanti hanno reso reale. La stanza è un premio o il soddisfacimento di una necessità. E ad oggi, non è più solo appannaggio della sezione A, ma di tutta la scuola, di tutti i bambini che ne hanno bisogno e che lo desiderano. È un patrimonio, ricordo di averla chiamata. Un tesoro. E tutto per un’idea, la nostra, la loro. Basta poco, mi dico, ringraziando Monica. E lei ringrazia noi, perché Coloriamo lo spettro è stato molto di più che un concorso a premi. È stata un’occasione, un’opportunità, per pensare, e far sempre meglio il bene che si faceva di già.

IMG_0013

Categorie
Blog

L’inclusione scolastica premia

Mercoledì 16 Maggio 2018, presso l’Aula Consiliare del IX Municipio, dalle 16:30 alle 19:00, si terrà la premiazione della prima edizione di Coloriamo lo Spettro – I bambini accolgono l’Autismo a scuola, concorso rivoltoa tutte le Scuole dell’Infanzia che insistono sul IX Municipio finalizzato all’inclusione della disabilità.

L’iniziativa, promossa dal CRC e sostenuta dal Municipio IX, ha visto la partecipazione, nell’anno scolastico corrente, di quindici scuole, circa quaranta insegnanti e più di quattrocentocinquanta bambini che, nel giro di pochi mesi, hanno realizzato cartelloni, video, filastrocche, disegni, libriccini volti ad esemplificare il rapporto che lega loro al compagno speciale.

Coloriamo lo Spettro aveva lo scopo di promuovere, sensibilizzando insegnanti, genitori e bambini stessi, la comprensione e l’inclusione della disabilitàe di farlo il prima possibile. “Sono proprio i più piccoli – spiega il dott. Christian Veronesi, psicologo clinico e psicoterapeuta del CRC Balbuzie, nonché direttore scientifico del progetto – a manifestare la necessità di possedere strumenti utili ad aiutare i loro compagni più fragili”.

Il progetto è nato, nello specifico, da una domanda di un bimbo di quattro anni che, facendo riferimento ad un compagno autistico, si è rivolto al dott. Veronesi in questi termini: “Ma io come lo posso aiutare Pietro?”. Ecco, tale iniziativa vuole essere la risposta a questa domanda. Pietro lo si aiuta con la disponibilità al prestare aiuto, con la comprensione di un bisogno, con l’accettazione positiva e propositiva della diversità.

Coloriamo lo Spettro appare, dunque, come un’occasione per promuovere, nella Scuola, la cultura dell’accoglienza e della neurodiversità, per sostenere l’inclusione dei bambini con difficoltà, per informare e formare le insegnanti ad individuare e riconoscere i segnali precoci dell’autismo, nell’ottica di una prevenzione primaria, volta a creare una rete di incontro e confronto tra le diverse Istituzioni del territorio del Municipio IX.

L’iniziativa, oltre il prezioso e concreto appoggio del Municipio IX, nello specifico dell’Assessorato ai Diritti alla Persona, Politiche Giovanili, Lavoro e Pari Opportunità, ha ricevuto il plauso di diversi Enti, tra cui la FLI Lazio (Federazione Logopedisti Italiani), l’ANUPI TNPEE (Associazione Nazionale Unitaria Terapisti della Neuro e Psicomotricità dell’Età Evolutiva), il Garante dell’Infanzia e dell’Adolescenza della Regione Lazio, la rete Scuoleinsieme, l’ANGSA Lazio(Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici) e Spazio Asperger.

Presidenti e membri delle realtà succitate faranno parte della giuria tecnica deputata ad eleggere i due lavori vincitori, in premio voucher, rilasciati dai nostri sponsor Edizioni Erickson e Logopedia.com, vincolati all’acquisto di volumi o materiali per le biblioteche o le ludoteche delle scuole. E i non vincitori? “Grazie per l’opportunità. Comunque vada è stata un’occasione, un modo stimolante per riflettere e lavorare su una tematica così stringente e attuale” dicono le insegnanti. Vero, tuttavia anche per le altre scuole ci sarà un premio, un riconoscimento, consistente in una giornata di formazione al CRC, sulla comprensione, l’accoglienza e l’inclusione della disabilità.

Il nostro Centro, dunque, insieme al Municipio IX, si prefigge di portare nelle Scuole la consapevolezza che ognuno va accolto, apprezzato e amato per le proprie peculiarità, per quanto strane e bizzarre possano, anche solo in un primo momento, apparire.

Comprendere la diversità rappresenta il primo passo per interagire con il mondo, un mondo dove ognuno è differente, dove ognuno avrà sempre qualcosa in più da dare o in meno da chiedere, più o meno tacitamente. È nei primi anni di vita che questa consapevolezza va spiegata, come forma preventiva, perché al sapere, nelle scuola moderna, si preferisca sempre il saper vivere insieme.