disfonie

Il disturbo
La disfonia è un’alterazione della voce che può insorgere in età infantile e adulta per cause organiche o funzionali.
Le disfonie organiche sono correlate ad una patologia laringea identificabile (noduli, polipi, cisti, edema, ecc.).
Le disfonie funzionali sono invece legate ad un uso scorretto del sistema muscolare coinvolto nella fonazione o a problematiche di natura psicologica.
I principali soggetti a rischio disfonico sono coloro che utilizzano la voce per attività professionali e artistiche. Il disturbo si manifesta con cambiamenti della qualità della voce, frequenti abbassamenti della stessa o raucedine.

 

Valutazione e diagnosi
La diagnosi di disfonia viene effettuata dal foniatra o dall’otorinolaringoiatra mediante la raccolta dei dati anamnestici, l’osservazione delle strutture coinvolte nella fonazione ed attraverso esami strumentali specifici.
Il logopedista si occupa successivamente della valutazione percettiva della voce e dell’individuazione dei fattori di rischio, al fine di stilare un adeguato piano terapeutico.

 

La nostra proposta clinica
Il programma di intervento sulle disfonie ha per obiettivo quello di aiutare il soggetto disfonico ad imparare ad utilizzare in modo economico la propria voce, liberarlo dalle limitazioni imposte dalle lesioni cordali, dai fattori di stress e dalle abitudini fonatorie scorrette. Inoltre, una precoce presa in carico permette di evitare il possibile sconfinamento di patologie vocali dal funzionale all’organico e viceversa.
Il setting terapeutico sarà strutturato in modo tale da favorire l’identificazione e l’eliminazione dello sforzo e dell’abuso vocale, la riduzione delle tensioni muscolari, il ripristino di una corretta modalità respiratoria e l’integrazione di questa con l’attività fonatoria.
In caso di interventi su bambini disfonici, il trattamento viene realizzato a partire dai 5 anni di età mediante attività ludiche e un intervento psicoeducativo sul contesto familiare per favorire un nuovo stile comunicativo.

Back to Top